Love story di un Acido Carbossilico

C’era una volta un Acido Carbossilico un po’ svampito che non sapeva ancora quale fosse il suo posto nel mondo.

Cercando dunque di scoprirlo, uscì di casa e la prima persona che incontrò fu una Base la quale, trovandolo molto simpatico, lo invitò a venire con lei alla riunione del suo circolo “Le Basi di Schiff“.

L’Acido accolse volentieri l’invito e si avviò con la base, il cui nome era Ammoniaca (NH3 per gli amici) verso il circolo.

Appena entrato, le altre invitate del circolo non furono così gentili come Ammoniaca perché sentivano che lui non amava molto arraffare protoni come loro, caratteristica essenziale per far parte del circolo delle Basi! Da parte sua l’Acido non si sentiva molto bene… c’era qualcosa che non andava… come mai sentiva i suoi protoni allontanarsi da lui? Ma certo! Lui era un ACIDO quindi un suo dovere era quello di donarli! (l’avevo detto che era un po’ svampito!)

Ringraziò Ammoniaca per l’invito ma le disse di avere un appuntamento importante e scappò di corsa da lì prima di farsi deprotonare… intanto però aveva scoperto qualcosa su di sé ed era già un passo avanti.

L’acido, che amava tenersi in forma, si avviò verso la palestra per fare i suoi esercizi e per controllare di non eccedere con la pka.

Il suo personal trainer, Litio Alluminio Idruro gli fece fare un bel po’ di esercizi e alla fine della lezione, andandosi a pesare, l’Acido scoprì di essere stato ridotto! Aveva perso ben un atomo di O!! e ne aveva acquisiti di H!

Uscì dalla palestra molto soddisfatto e mentre si pavoneggiava davanti ad una vetrina ammirandosi per come si era ridotto, passò il suo amico Emiacetale che gli propose di uscire a bere qualcosa quella sera.

I due amici quella sera si divertirono come non mai… e ci diedero veramente dentro a bere, un vero e proprio bagno nell’alcool!!

La mattina dopo, quando l’Acido si svegliò (mattina… insomma…era praticamente mezzogiorno!) si guardò allo specchio e per poco non gli venne un colpo….non era più un acido ma un Estere!! Chiamò il suo amico Emi per sapere se anche lui aveva avuto problemi e scoprì che anche lui era cambiato… ora era un Acetale! Acido decise che avrebbe fatto causa alla ditta “Fischer” che produceva l’alcool che avevano bevuto la sera prima! …ma anche in questa disavventura, aveva imparato qualcosa su di sé, era soggetto a esterificazione (alzando un po’ il gomito!).

Per fortuna l’effetto era reversibile e nel giro di un pomeriggio era ritornato un Acido Carbossilico.

Per riprendersi dallo spavento di essere stato un Estere, decise di andare in un centro benessere a rilassarsi un po’, e la prima cosa che fece fu una sauna…

La temperatura era così alta, ma così alta che l’Acido non poté resistere molto e quando uscì da lì 5 minuti dopo, scoprì che era stato decarbossilato e aveva perso quella fastidiosa Anidride Carbonica che lo tormentava da un po’ di tempo… addirittura non lo faceva dormire la notte dal male!

“Ecco un altra informazione in più su di me!” pensò l’Acido, “Certo che in questi 2 giorni ho imparato un bel po’ sulle mie caratteristiche, ma come faccio a sapere qual è quella che devo sfruttare di più? La migliore?”.

Era così assorto nei suoi pensieri che non si accorse che una graziosa Base lo stava guardando con occhi languidi già da un po’! Quando finalmente lui si decise ad alzare lo sguardo e la fissò negli occhi, sentì i suoi protoni battere a mille ed allora non ebbe più dubbi.. certo lui poteva diventare un Estere, essere decarbossilato, poteva anche convertirsi alla fede degli Alogenuri… ma il suo ruolo principale sarebbe stato sempre quello dell’Acido! Così, prendendo la Base per mano, si avviarono verso l’uscita del Centro.

Come pegno d’amore lui le donò uno dei suoi protoni , lei lo accettò e vissero per sempre legati e contenti.

 

Testo a cura di Margherita Bozzola, Biotecnologa e Cheerleader.

Ha inventato questa storia per ricordare le caratteristiche degli acidi carbossilici durante la preparazione dell’esame di Chimica Organica.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: