In risposta alla Lucarelli e a tanti altri su Samantha Cristoforetti

Aggiornamento: sulla nostra pagina social una versione più leggera di questo articolo è divenuta virale, con nostra sorpresa doppiando totalmente come condivisioni lo status della discordia. La portata ha raggiunto oltre le 3.5 milioni di persone. Vi ringraziamo, ci avete dimostrato che il nostro messaggio di sensibilizzazione ha colto nel segno e che l’entusiasmo per le persone di scienza è vivo e appassionato nel nostro paese, invece di essere soffocato dall’indifferenza e da quelle migliaia di persone che ritengono certe notizie solo un fastidio. Grazie.samanthapetroliera

Vorremmo rispondere ufficialmente a delle persone.
Se vi sembreremo troppo bruschi e poco professionali, perdonateci. Ma ci è sembrata un’ottima occasione anche per ribadire alcuni concetti importanti.

Una è una nota conduttrice televisiva e blogger del Fatto Quotidiano, Selvaggia Lucarelli​, semmai vorrà leggerci, che si lamenta di soprannomi da cartomanti baresi [1] e soprattutto dei suoi contatti su fb che salutano il rientro di Samantha Cristoforetti​ quando c’è tanta gente che lavora per mesi sulle petroliere che rientra senza “tutta ‘sta melassa spaccacoglioni”.

selvalol

Già in passato aveva anticipato come la pensasse in un suo articolo su LiberoQuotidiano, lamentando la retorica che accompagnava Samantha, gli “scoglionamenti”, i tweet tronfi e galvanizzati.

Ci dispiace molto se ritiene degli “spaccacoglioni” chi (come noi) pone tanta enfasi nel celebrare AstroSamantha, e ci dispiace molto che un tweet sbrodolato di un politico sia per te più degno di attenzione di tutti i meriti che Samantha ha.

Non ce l’ha chiesto, e probabilmente l’opinione personale di una singola conduttrice televisiva non è certo una priorità rispetto ad altri problemi, ma vorremmo lo stesso raccontarle un attimino due cosette sia perché molte altre persone hanno pensieri simili, sia perché è una buona occasione per rammentare diversi fatti interessanti.

Risponderemo infatti anche a moltissime altre persone che ugualmente pensano che sia una “rottura” condividere queste notizie (al momento della stesura di questo articolo fra i suoi soli seguaci facebook, 18,000 avevano messo il “mi piace” al suo status).
Alcune addirittura hanno esplicitamente detto che non gliene può fregar di meno di questo traguardo, e molti di loro ti hanno anche condivisa approfittandone del tuo sfogo. Ci piacerebbe raggiungerli in qualche modo col nostro messaggio, più che altro:

samalol

Allora, Samantha Cristoforetti è un essere umano eccezionale per le sue doti, le sue capacità e i risultati conseguiti – su questo nessuno avrà da obiettare, speriamo, e credo che anche tu Selvaggia concordi.

Lei è anche un simbolo di ciò che si può ottenere con l’impegno, dei traguardi che si possono raggiungere in vita. Non è una blogger che conduce l’Isola dei Famosi. Lei è un’astronauta e ingegnere, prima donna italiana a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, record europeo e femminile di presenza nello spazio. Una donna che con il suo esempio e la sua testimonianza, assieme a molte altre, ha scardinato lo stereotipo della donna concepita come casalinga o come velina (anche se qualcuno la voleva solo dietro ai fornelli) [2].
Sa parlare anche inglese, francese, tedesco e russo ed è stata selezionata tra i primi 6 come astronauta fra una rosa di 8000 candidati.
Scusate se è poco.

L’ESA e l’ASI, con la missione Futura42 e i progetti intorno alla ISS hanno mandato una persona nello spazio a produrre scienza. Nello spazio, non su La Fattoria 3. Un’impresa degna di nota già di per sé, sia per l’eccezionalità tecnica che per il progresso scientifico puro e le ricadute tecnologiche applicate che ne conseguono.

Ma non è solo questo. Oltre al suo lavoro e ai suoi esperimenti, Samantha si è interfacciata tantissimo con il pubblico per mostrare il suo lavoro e cosa vuol dire essere un astronauta: per divulgare, far appassionare all’astronautica e alla scienza.
Per ispirare le persone.
Ecco, ispirare. Generare consapevolezza, coinvolgere.

"There's coffee in that nebula"... ehm, I mean... in that #Dragon. pic.twitter.com/9MYrqIOXnI — Sam Cristoforetti (@AstroSamantha) 17 Aprile 2015
“There’s coffee in that nebula”… ehm, I mean… in that #Dragon [3]. pic.twitter.com/9MYrqIOXnI
— Sam Cristoforetti (@AstroSamantha) 17 Aprile 2015

Quasi come “l’awareness” di cui parlava Caterina Simonsen nell’illustrare la sua vita quotidiana. Ma in questo caso più per suscitare la stessa meraviglia che lei provava da piccola alzando lo sguardo al cielo (e che anche noi proviamo), per scardinare la torre d’avorio della scienza e avvicinarla a tutti noi. Le persone hanno bisogno anche di storie, di modelli da seguire, di essere partecipi.

Samantha è anche divulgatrice.

Gli scienziati, gli ingegneri, i ricercatori… sono come minatori che scavano le pepite d’oro in una miniera, al buio, con i calli alle mani; il divulgatore invece è colui che trasforma queste pepite in lingotti per rivenderle a 100 volte di più al mercato.

Lei fa entrambe le cose.
Anche questo, scusate se è poco.

Siamo in un paese dove la scienza è bistrattata e il 90% delle notizie riguardano il calciomercato, i flirt dei personaggi dello spettacolo, i segnali di recupero dalla crisi che da un lustro a questa parte cesseranno l’anno prossimo, la Juventus che macellava clandestinamente in Campania badanti e lavoratori in nero causando 5 arresti tra cui 8 veterinari.
In un anno, la RAI dedica circa il 2% del tempo dei suoi servizi televisivi alla scienza (e quasi solo della famiglia Angela, che resiste nonostante l’accerchiamento) e quasi il 20% allo sport.

Su quotidiani di tiratura nazionale, gente come Camillo Langone scrive che Samantha non è un modello da seguire perché dovrebbe stare in cucina a far figli e che le sue uniche performances consistano nel fare le capriole nello spazio [4]. Il rispetto che molte persone hanno avuto di lei è stato dei più beceri e meschini, come mostrato online [5] (e come si assiste in misura maggiore dal vivo). I media le riservano attenzioni col contagocce [6].

Bentornata, Sami. Vorremmo tutti essere come te.
Bentornata, Sami. Non ascoltare le malelingue dalle idee preconfezionate. Vorremmo tutti essere come te. Credits: ESA

.

Selvaggia, se per un giorno uno devi sorbirti una notizia che non ti interessa, perfavore, potresti chiudere Facebook, non è un dramma. Approfittane per portare il tuo bambino a un planetario, gli farai un regalo bellissimo!
Noi per tutto l’anno dobbiamo sorbirci i limoni&peperoncini, le comete del TG4, gli insulti a Samantha, le interrogazioni parlamentari sulle scie chimiche, le farfalline argentine, gli F-35 della Forestale che spengono incendi, il miracolo della moltiplicazione degli incursori di marina, Edoardo Stoppa che attacca Roberto Caminiti, eccetera.

Ecco perché seguiamo Samantha Cristoforetti e ne salutiamo il rientro quasi come fosse una star di Hollywood o una idol giapponese.
Ecco perché siamo tanto “scassacoglioni” con lei. Lei è un modello di vita, un esempio da seguire. Siamo tutti orgogliosi di lei, anche nei gesti quotidiani più semplici.
Sì, se la merita tutta, questa attenzione; così come se la meritano tutti gli altri astronauti. Molto più, certo, di Defez, dei post-it di Francesco Sole o degli amanti passati. Per quel che rappresentano per l’umanità, per quel che rappresentano per noi personalmente, in risposta a tutto il fango gettato sulla sua figura e sulla scienza in generale. Dieci, cento, mille rientri di Samantha Cristoforetti celebrati sui media e sui social, piuttosto che le risse di Fedez nelle discoteche o l’andamento de La Talpa, ed alla facciazza di tutti gli insulti sessisti e cafoni trovati in rete.

Il tuo status, Selvaggia, è purtroppo cinico e benaltrista, oltre che poco legittimo: potremmo allora dire noi che troviamo melensi e fastidiosi gli argomenti su cui tu ti fissi, e tu giustamente ci diresti di non seguire la tua bacheca se non ci interessa.
D’altronde tu stessa su LiberoQuotidiano ricordasti in principio le molte cose che Samantha faceva; purtroppo liquidasti ciò con un “sì tutto molto bello” dopo poche righe, per poi spendere fiumi d’inchiostro digitale sui commenti di Fazio, della Boldrini o di Pisapia, come se fossero le cose più importanti. Davvero per te queste erano la priorità su cui focalizzarsi? Guardi il dito che punta e non la Luna? Facciamo due pesi e due misure diverse su cosa si dovrebbe o meno seguire? Cosa è che ti interessa allora? Fai un confronto con tutti gli articoli che Paolo Attivissimo sul Disinformatico ha dedicato all’approfondire veramente la missione di Samantha.

E quanto appena detto vale anche per coloro che si lamentano che è inutile mandare persone nello spazio, che Samantha non ha fatto nulla o che la sua impresa non ha niente di eccezionale, casomai capitassero da queste parti.

Tornando a noi, cara Selvaggia, ti lamenti che l’operaio nel cantiere in Nepal non riceve altrettanta celebrazione? Attivati per far sì che sia anche lui celebrato, senza bisogno di attenzione mediatica flammando sul rientro di un’astronauta! Al posto di parlare delle disavventure con gli uomini negligenti o di conteggiare i tweet, celebra il lavoro, il sacrificio, i successi di tante persone – compresa lei.
Se i riflettori sono puntati solo su di una persona, porta anche le altre sul palcoscenico, invece di chiudere il sipario.

Lui invece è il grande Luca Parmitano, un altro drago della scienza spaziale (e della divulgazione), però non ricordiamo si fecero altrettante polemiche su di lui. Credits: Wikimedia Commons

 

Un abbraccio cara Selvaggia. Siamo sicuri che semmai leggerai avrai da riflettere con attivo piacere su tutto questo e trarne qualcosa di utile, come speriamo ne trarranno anche i tuoi sostenitori che hanno condiviso il tuo pensiero (e dato che sei una nota opinionista, non vieni letta certo da quattro gatti). Anche per questo ci siamo presi la libertà di scriverti, a differenza di quanto accaduto con le polemiche di Camillo Langone con cui non valeva la pena nemmeno di provare ad aprire un dialogo [7].

Forse non c’era bisogno di questa “filippica”, Selvaggia Lucarelli ha pure fatto parlare di sé per dirla alla Oscar Wilde. Tuttavia lei è solo un esempio noto fra tanti. L’attitudine del suo status è purtroppo comune in decine di migliaia di italiani (basta vedere il numero di condivisioni e likes del suo post).
Non che Selvaggia faccia molto per dissuadere da queste interpretazioni:

17.000 persone non capiscono l'importanza di Samantha? Ok.
17.000 persone non capiscono l’importanza di Samantha? Ok.

 

La nostra speranza è che questo messaggio, indirizzato idealmente a lei, possa raggiungere almeno una piccola frazione di quei 18.000+ che lei ha raggiunto. Se anche uno solo di questi, per quanto sia improbabile, dovesse fermarsi e riflettere sulla sua posizione, anche senza necessariamente cambiare idea, sarebbe comunque una buona cosa. Uno dei nostri redattori, Alessandro Tavecchio, ha commentato a tal proposito: la divulgazione non è un gioco a somma zero.
La scienza è spesso trascurata o mal trattata, solo una piccola percentuale di tempo ogni anno sui principali mezzi d’informazione è dedicata ad essa (e ancor meno quando è dedicata in maniera degna). Riuscire a rosicchiare un piccolo spazio in più, avere una celebrità che ha un minimo di collegamento con la scienza, non è niente di male. L’alternativa come già detto è non avere nemmeno lei.

La seconda risposta è rivolta ad Eliana Streppa, che gestisce un canale su YouTube intitolato To The Science & Beyond e che ci ha scritto delle riflessioni molto interessanti sul caso di Samantha Cristoforetti. Stay tuned!

Qualche link utile d’approfondimento:

Note:

[1] AstroSamantha comunque se l’è scelto lei eh, è anche il suo tag su Twitter.

[2] Personalmente non mi interessa che sia la “prima donna che”, perché le ritengo alla pari e quindi non mi stupisce che ottengano un traguardo come donne. Ma lo considererò sempre un primato importante in confronto a chi invece lei la sminuisce o pretende abbia altre mansioni in quanto donna.

[3] Samantha ha citato un personaggio della serie Star Trek: Voyager, il capitano Kathrine Janeway. Ne parla Paolo Attivissimo qua.

[4] http://www.butac.it/samantha-e-il-foglio/

[5] http://www.giornalettismo.com/archives/1674599/samantha-cristoforetti-i-meravigliosi-commenti-sessisti-facebook/

[6] http://medicinaesteticaonline.net/2014/11/24/samantha-cristoforetti-e-il-vero-simbolo-del-degrado-italiano/

[7] A tal proposito, vi consigliamo di non linkare mai questi suoi articoli per non regalargli visite, se non previo utilizzo del sito DoNotLink. Non perdete nemmeno tempo a rispondere ai suoi commentatori che vi accuseranno di essere un “popolo bue” di “provinciali” accontentati da un “pagliaccio funambolico” per “conformarsi” alla massa “borghese” e “comunista” (e qui tutti i libri di sociologia e scienze politiche si ribaltano da soli). Non ne vale la pena. Come si diceva? Ah, sì: vogliono épater le bourgeois.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: