Perché non ci vacciniamo?

Una recente nota dell’Istituto Superiore di Sanità segnala che il numero di persone non vaccinate in Italia sta crescendo pericolosamente. Perché siamo così in tanti a trascurare una delle pratiche mediche più sicure ed efficaci mai inventate dall’umanità, capace di proteggerci da malattie a volte anche gravi?

Non è facile capire i motivi che ci spingono talvolta a comportarci in modo poco razionale. Le ricerche in proposito sono già un buon numero ma ben lontane dall’essere risolutive. Cornelia Betsch dell’università di Erfurt (D), Robert Böhm dell’università di AAchen (D) e Gretchen B. Chapman della Rutgers University (USA), hanno raccolto e rianalizzato i dati presenti in letteratura scientifica su questo importante tema; hanno cioè messo il naso dentro dentro la scatola, cercando di capire quali sono le ragioni che ci spingono a non vaccinarci. Il loro lavoro ci aiuta a fare un po’ d’ordine in questa delicata questione, offrendoci un’interessante classificazione dei molti motivi in gioco, raggruppati in quattro grandi macro-categorie.

Il testo completo del loro lavoro, pubblicato su Policy Insight from the Behavioral and Brain Sciences, è disponibile gratuitamente.

Dunque, perché non ci vacciniamo?

In principio è la distrazione. Abbiamo tante cose da fare nella vita, e per molti di noi i vaccini non sono una priorità. Questo accade soprattutto perché, proprio grazie ai vaccini, non vediamo più attorno a noi le malattie da cui essi ci proteggono: l’immunizzazione di massa è vittima del suo stesso successo! Inoltre, quando la malattia torna a farsi vedere, potrebbe essere tragicamente tardi. Ricordarci ogni tanto che le malattie infettive sono sempre in agguato, e sono ancora pericolose, potrebbe aiutarci a non trascurare l’importanza di vaccinarci.

In una situazione di distrazione continua come quella in cui vivamo ogni giorno diventa però molto facile rinviare ad oltranza una vaccinazione, soprattutto quando farla ci costa un certo impegno, magari addirittura mezza giornata di ferie. Gli ostacoli tecnici, economici e burocratici sono la seconda grande categoria di motivi per cui non ci vacciniamo. Qui spetta alle istituzioni intervenire nel modo corretto, mettendoci in condizione di accedere con facilità al servizio sanitario.

Mentre siamo impegnati a rinviare al giorno del mai il momento della vaccinazione, potrebbe anche capitarci di inciampare nella cattiva informazione. A questo punto il problema diventa spinoso.

In frangenti come questo, per prima cosa dobbiamo fare attenzione a non farci lo sgambetto da soli, perché per nostra natura abbiamo una pessima capacità di percepire correttamente le probabilità molto piccole. Pensate al gioco d’azzardo, e a quanti soldi finiamo col buttare via ogni giorno in cose – come superenalotto e gratta-e-vinci assortiti – che ci offrono probabilità vergognosamente basse di vincere alcunché. Lo stesso brutto tiro ce lo possono giocare anche le probabilità di incorrere in effetti collaterali gravi a causa di una vaccinazione, soprattutto se confrontate con il rischio di contrarre malattie che, come già ricordato, non vediamo più attorno a noi. È così che a volte ci convinciamo che rinunciare alla vaccinazione sia paradossalmente la scelta più prudente da fare. In questi casi ci potrebbe aiutare ricordarci che le malattie infettive si ripresentano con violenza proprio quando troppe persone rinunciano o rinviano la vaccinazione stessa. Non trascuriamo anche il fatto che in questi focolai ci vanno di mezzo anche e soprattutto i più deboli – neonati e anziani – coloro che hanno delle ragioni molto concrete per non vaccinarsi (allergie), o le persone il cui sistema immunitario è più o meno temporaneamente debilitato (trapiantati, immunodepressi e alcuni pazienti con chemioterapia o radioterapia in corso).

Proprio su questa nostra intrinseca difficoltà a dare il giusto peso a eventualità molto rare si innesta infine la vera e propria disinformazione (che potrebbe anche non essere sempre del tutto disinteressata); quando incontriamo brutte storie come quella del medico inglese che falsificò i dati sulla pericolosità di un vaccino – al fine di lucrare sulle cause di risarcimento e su alcuni suoi brevetti “alternativi” – è facile finire col perdere la fiducia nell’intero mondo della medicina.

Come si suol dire, quando ci si scotta con l’acqua calda, può diventare davvero difficile imparare a fidarsi di nuovo anche di quella fredda.

§

Vaccini: vittime del loro steso successo. Questa immagine circola in rete da un po’ e illustra molto bene l’efficacia dei vaccini nel prevenire malattie importanti. Proprio la scomparsa, o quasi, delle forme conclamate di queste malattie, ci porta a sottostimarne la potenziale pericolosità.
Vaccini: vittime del loro steso successo. Questa immagine circola in rete da un po’ e illustra molto bene l’efficacia dei vaccini nel prevenire malattie importanti. Proprio la scomparsa, o quasi, delle forme conclamate di queste malattie, ci porta a sottostimarne la potenziale pericolosità. — L’immagine è stata realizzata da Leon Farrant (Behance), sulla base dei dati ufficiali del Center for Disease Control and Prevention (CDC), pubblicati nella appendice E della 13a edizione del «Epidemiology and Prevention of Vaccine-Preventable Diseases» [ringraziamo piro per averci segnalato la mancanza di questi importanti riferimenti]

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: