La maschera di Darth Vader

Star Wars è la storia della vita, del tradimento e della redenzione del cavaliere Jedi Anakin Skywalker [1]. Il piccolo Anakin è un bambino generoso e altruista destinato a diventare il prescelto della Forza. Ne La minaccia Fantasma abbiamo modo di conoscere i suoi legami più forti: l’amore profondo che lo lega alla mamma, da cui è costretto a separarsi in giovane età, l’affetto per Padme Amidala, che diventerà la donna della sua vita, e la grande ammirazione per Qui-Gon Jinn, il padre che non ha mai avuto. Convertitosi al lato oscuro e assunta l’identità di Darth Vader, affronta un terribile duello con il suo maestro Obi-Wan Kenobi sul pianeta vulcanico Mustafar.

Durante il combattimento, subisce l’amputazione di entrambi gli arti inferiori e dell’arto superiore sinistro. Queste lesioni sono inflitte da una spada laser, dunque le ferite cauterizzano immediatamente con una perdita minima di sangue, ma l’esposizione ai gas vulcanici e alla densità piroclastica dell’atmosfera del pianeta Mustafar gli provocano delle ustioni stimabili di terzo grado e una grave insufficienza respiratoria [2,3,4,5,6]. Solo il pronto intervento dell’equipe imperiale è in grado di salvargli la vita, evacuandolo in una capsula medica. Anakyn riceverà un’armatura dotata di protesi e una maschera. La maschera gli garantisce una fornitura continua di ossigeno e il mantenimento del regime pressorio delle vie aeree, evitando il collasso della sua funzionalità respiratoria

Darth_Vader

Darth Vader può rimuovere la maschera soltanto nei suoi alloggi personali, che sono allestiti come una moderna camera iperbarica [7,8]. Quando si toglie la maschera, mostra un colorito pallido e logoro. Il suo caratteristico respiro  fu ottenuto inserendo un microfono in un respiratore da sub. Alcuni ricercatori dell’Università di Copenaghen hanno presentato sulla rivista Anesthesiology Darth Vader come caso clinico di insufficienza respiratoria acuta e cronica correlata a ustioni e lesioni polmonari [9]. Nell’articolo è stata calcolata la frequenza respiratoria di Anakin.

Ogni atto respiratorio è composto da una fase inspiratoria ed espiratoria. La fase inspiratoria è costituita dall’attività dei muscoli respiratori che partecipano all’espansione della gabbia toracica; la fase espiratoria è una fase passiva in cui la gabbia toracica ritorna alle dimensioni di partenza grazie all’energia elastica accumulata nella fase di inspirazione. La frequenza respiratoria di un individuo in condizioni di riposo è un valore che oscilla tra i 12 e i 18 atti respiratori al minuto [10]. Darth Vader ha una frequenza respiratoria di 13 atti/minuto in condizioni di riposo. La frequenza respiratoria aumenta a 16 atti/minuto durante le sue attività quotidiane “normali” (torturare, uccidere e di nuovo torturare). In condizione di stress (un duello, un esercizio fisico intenso) la frequenza respiratoria sale a 25-30 atti/ minuto. Quando Anakin scaglia l’imperatore Palpatine nel reattore della morte nera, i fulmini dell’imperatore colpiscono la sua armatura mandando in cortocircuito il sistema di ventilazione. Luke gli stacca la maschera, il respiro di Anakin diventa sempre più superficiale ed esattamente dopo 53 secondi, muore  [11].

La maschera di Dart Vader dunque gli ha permesso di sopravvivere per 22 anni nonostante la sua funzionalità respiratoria fosse stata gravemente compromessa. Considerato il fatto che questo sistema è attivo sia in fase di inspirazione che di espirazione, che l’equilibrio pressorio varia quando la maschera viene rimossa e che la frequenza respiratoria non è fissa ma è variabile in base al livello di attività del soggetto, i ricercatori sostengono che la maschera di Darth Vader sia un modello BPAP. Una maschera BPAP è un efficace sistema di gestione per le malattie polmonari ostruttive croniche ed è un sistema di ventilazione meccanica non invasiva [11,12] che oggi viene utilizzato principalmente nel trattamento delle apnee ostruttive del sonno, una sindrome caratterizzata da ripetuti episodi di prolungata ostruzione delle vie aeree superiori durante il sonno associati a una riduzione della saturazione di ossigeno nel sangue [13,14,15]. La maschera BPAP fornisce a questi soggetti una corrente di aria compressa, attraverso una mascherina facciale o nasale e un tubo, permettendo di rendere pervie le vie aree.

Che la Forza, ma soprattutto il Metodo Scientifico, sia sempre con voi! 

Testo a cura di: Jakob Panzeri
Editor: Stefano Bertacchi

Bibliografia

[1] The official website of Star Wars

[2] Flussi Piroclastici, Vulcanologia, Università Roma 3

[3] Burns: MedLine Plus

[4] Respiratory Failure: Background, Pathophisiology, Etiology

[5] Respiratory Failure: MedLine Plus

[6] Respiratory Failure, Mercks Manual

[7] Hyperbarici Oxygen Therapy – Medscape

[8] Hyperbarci Oxygen Therapy – Mayo Clinic

[9] Pulmonary Phatophysiologist in another Galaxy

[10] Vital signs, John Hopkins University

[11] Biphasyc Positive Airway Pressure: a new mode of ventilatory support

[12] Nocturnal nasal intermittent positive pressure ventilation with bi-level positive airway pressure (BiPAP) in respiratory failure.

[13] Obstructive Sleep Apnea – MedLine

[14] Obstructive Sleep Apnea and Cardiovascular Disease

[15] Epidemiology of Obstructive Spleep Apnea Syndrome

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: