Marie Curie, Einstein e lo scandalo mediatico

Marie Curie (1867-1934), una delle migliori e curiose personalità del ventesimo secolo: la prima persona a vincere per due volte il premio Nobel. Tutti, almeno una volta nella vita, hanno sentito il suo nome da qualche parte, ma pochi sanno della sua storia amorosa con Paul Langevin (1872-1946) dopo la scomparsa del marito, e di come sia riuscita a fronteggiare a testa alta un allora enorme e fastidioso scandalo mediatico, provando ancora una volta di essere la grandissima donna e scienziata che tutti oggi conosciamo.

238

Marie Skłodowska nacque a Varsavia, allora territorio russo, la quinta e più giovane figlia di una coppia di insegnanti. Nessuno avrebbe mai immaginato che sarebbe diventata una pluripremiata scienziata.
Sfortunatamente, però, la sua vita non fu tutta rosa e fiori: in una pagina del suo diario, infatti, possiamo leggervi: «La vita non è facile per nessuno di noi. Ma cosa possiamo farci? Dobbiamo perseverare e, soprattutto, credere in noi stessi. Dobbiamo credere che siamo nati per qualcosa e dobbiamo raggiungerla, questa cosa, a qualsiasi costo!».

Era una donna molto determinata e voleva raggiungere a ogni costo i suoi obiettivi, non curandosi della pessima mentalità francese in voga durante gli anni Novanta del 1800: la Francia, infatti, era appena stata sconfitta dalla guerra Franco-Prussiana del 1871 ed erano presenti forti sentimenti nazionalisti, razzisti e antifemministi. Era quasi impossibile credere che una donna giovane e straniera, come Marie, potesse avere anche solo una possibilità di fare carriera nel mondo accademico e nella ricerca, mondi popolati solo da uomini.

Non si arrese davanti a nessun ostacolo e in breve tempo (mentre si prendeva cura delle sue due figlie) ottenne una laurea in Fisica (1893), un’altra in Matematica (1894) e scoprì due nuovi elementi chimici in 5 mesi (radio e polonio, nel 1898). Proseguì quindi la sua carriera con un dottorato sulla radioattività nel 1902, un premio Nobel nel 1903, una cattedra alla Sorbona nel 1906 e infine un secondo premio Nobel nel 1911.

Ma proprio dopo quell’anno memorabile, nel 1911, scoppiò il caso Curie-Langevin. Esattamente come un nuovo affare Dreyfus (1) fu offesa e attaccata dai media come una persona che avrebbe potuto distruggere la Terza repubblica, nonchè i valori ed i pilastri in essa contenuti.

Marie conobbe Pierre Curie nell’estate del 1894: lui era un professore di fisica molto ben conosciuto (2), otto anni più grande di lei. Si sposarono l’anno successivo e insieme scoprirono due elementi nel 1898: il polonio, chiamato così in onore del Paese natale della scienziata, e il radio. Più tardi, nel 1903, vinsero il premio Nobel (non senza scalpore) con il fisico Henri Becquarel (1852-1908).

Sfortunatamente, nel 1906, Pierre Curie morì in un incidente stradale, investito da un carro mentre attraversava la strada in un giorno molto piovoso. Fu difficile per Marie accettare questa perdita; così tanto che cadde in depressione, come possiamo leggere nel suo diario: «Non riesco a pensare a niente che possa tirarmi su il morale, a parte forse la ricerca scientifica».

Marie prese quindi il posto del marito e fu la prima donna a ottenere una cattedra alla Sorbona. La sua prima lezione fu tenuta il 5 novembre 1906 e la classe era piena di studenti, curiosi e professori.
Nel 1910 conobbe Paul Langevin, un giovane professore di fisica, dottorando di Pierre. Egli era sposato ma interruppe la sua relazione molto tempo prima di incontrare Marie. Sua moglie non accettò mai la separazione e per vendicarsi mandò alla stampa le lettere d’amore scambiate da Langevin e Marie. Finalmente la stampa aveva l’occasione giusta per screditare un altrimenti eccellente scienziata, e così fu, descrivendola come una «perfida ebrea straniera, colpevole di aver distrutto una famiglia felice». Tra coloro i quali non approvavano il comportamento di Marie c’era anche il famoso chimico Svante Arrhenius (1859-1927) che l’attaccò, seppur non apertamente.

Quando Albert Einstein venne a conoscenza di questo fatto, le scrisse un’appassionata lettera (il 23/11/1911)

Stimatissima signora Curie,

non rida di me se Le scrivo senza avere nulla di ragionevole da dire, ma sono talmente in collera per le maniere indecenti con cui il pubblico si sta ultimamente interessando a Lei, da sentire di dovere assolutamente dare sfogo a questo mio sentimento.
Ad ogni modo, sono convinto che Lei coerentemente disprezzi questa gentaglia, sia che questa elargisca ossequiosamente stima nei suoi confronti sia che tenti di soddisfare il proprio appetito per il sensazionalismo! Mi sento spinto a dirle quanto io sia arrivato ad ammirare il suo ingegno, la sua energia e la sua onestà, e che mi sento fortunato ad aver avuto la possibilità di conoscerla di persona a Bruxelles. Chiunque non appartenga a questa schiera di rettili è certamente felice, ora e anche prima, del fatto che abbiamo tra noi persone come Lei, e anche come Langevin, persone reali rispetto alle quali si prova il privilegio di essere in contatto. Se la gentaglia dovesse continuare a occuparsi di lei, non legga quelle fesserie ma piuttosto le lasci ai rettili per cui sono state prodotte.

Con i miei più amichevoli ossequi a lei, Langevin e Perrin,

cordialmente,

A. Einstein

Poco dopo lo scandalo Marie ricevette un secondo premio Nobel (1911), questa volta in chimica, per la scoperta degli elementi radio e polonio.

In effetti, una lettera che inizia con “non rida di me se Le scrivo senza avere nulla di ragionevole da dire” potrebbe lasciare qualche sospetto nel lettore, ma Einstein offre una vera e propria saggezza che possiamo riassumere con: “Sei una donna intelligente e realizzata: ignora coloro che ti disprezzano”. La mossa migliore secondo il fisico per affrontare le critiche e gli avvoltoi è quindi semplicemente quella di ignorarli, o come dice in modo elegante: “non legga quelle fesserie ma piuttosto le lasci ai rettili per cui sono state prodotte”.

 

Testo a cura di: Matteo Paolieri

 

Fonti e approfondimenti

(1) https://it.wikipedia.org/wiki/Affare_Dreyfus
(2) Presso l’École supérieure de physique et de chimie industrielles de la ville de Paris.

Lettera originale digitalizzata (e tradotta): http://einsteinpapers.press.princeton.edu/vol8-trans/34

“Marie Curie – La Vita non è facile, e allora? – Lettere di un genio forte e curioso”, L’Orma editore, 2015

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: