“Che libro indosserò?” – Amedeo Balbi, intervista con fumetto

amedeo balbi
Roberto Bommarito e Alessandro Napolitano hanno realizzato questa intervista su scienza, fantascienza e astronomia, disponibile in ebook completamente GRATUITO, ad Amedeo Balbi, uno dei più celebri astrofisici e divulgatori italiani, già ospite in passato di un nostro live hangout sul tema Kepler ed esopianeti.
Tema della chiacchierata è il ruolo dell’uomo nell’universo, la singolarità tecnologica e le sfide del futuro a cui la civiltà umana dovrà affrontare. Ma non c’è solo l’aspetto scientifico a compenetrare le riflessioni e il dialogo filosofico di questa intervista, ma anche il racconto fantascientifico, con la sua ispirazione e la sua capacità di dipingere nuove frontiere e nuovi punti di vista nel rapporto tra l’uomo e la tecnologia, in particolare l’esplorazione dello spazio. Amedeo Balbi lo ammette schiettamente: l’amore per l’astronomia fin da piccolo è cresciuto in lui anche grazie alla science fiction, un genere letterario ricco di spunti e riflessioni. Non solo, capace anche di immaginare invenzioni apparentemente impossibili, ma che in futuro diverranno quotidianità, così come molti concetti scientifici attuali un tempo erano inspiegati o considerati magia, fenomeni sovrannaturali. 

Amedeo mette anche in guardia dal non cadere in ingenuità in senso opposto, e fa l’esempio sui possibili visitatori alieni: si può ipotizzare che una civiltà extraterrestre abbia sviluppato i mezzi per aggirare le immense distanze del cosmo e il limite della velocità della luce, o addirittura ipotizzare che una sonda aliena possa avere visitato la Terra in passato (in fondo la specie umana esiste da circa 200.000 anni, un niente su scala geologica rispetto all’età dell’universo), ma mancano le prove, le evidenze. In scienza non si può giungere a conclusioni senza prove.
Un’intervista breve ma interessante che lancia diversi spunti su cui meditare.
Se uno riflette un po’ sul funzionamento dell’universo, si rende conto che, in un certo senso, ogni cosa che accade è inseparabile dal contesto più ampio, da tutto ciò che è avvenuto nel cosmo fino a quel momento. Se vuoi capire perché sei qui, in altre parole, devi capire la storia di tutto: inizi a tirare un filo e questo, come in un labirinto, ti porta lontanissimo da dove sei partito.

 

Per ulteriori approfondimenti, il nostro live hangout con Amedeo Balbi:

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: