Fantasticamente Scienza: tra Scienza e Sci-Fi, alla stazione dei treni (!?)

Ci andreste alla stazione dei treni a sentire un po’ di scienza? In un posto notoriamente di passaggio, spesso affollato, assediato dalle litanie degli orari in altoparlante e in alcuni casi anche sporco? Non ve la sto vendendo bene, eppure alla stazione di Trieste il 13 e il 20 giugno i volontari dell’associazione di divulgatori scientifici Sinapsi vogliono farvi rivalutare l’idea. Hanno chiamato la loro iniziativa FANTASTICAMENTE SCIENZA, tre incontri in totale (uno già svoltosi ieri) gratuiti e aperti a tutti per raccontare fatti di scienza attraverso due narrazioni che sicuramente godono di maggiore notorietà: supereroi e fantascienza.

In effetti, un autore che speri di diventar celebre in questi generi ha bisogno di ugual parte ingegno e immaginazione. Quando sogna di superare i limiti umani partorendo supereroi o universi paralleli l’autore cerca infatti di essere credibile attingendo dalla scienza elementi di realismo.

Un esempio? Prendiamo Flash, il supereroe veloce come un fulmine. Con poche nozioni di fisica si trova che l’energia che gli serve per muoversi così veloce gli imporrebbe di ingurgitare continuamente cibi ipercalorici in quantità gargantuesche. Un po’ goffo per un supereroe, perciò gli autori (gli americani Gardner Fox e Harry Lampert) l’hanno risolta così: Flash attinge la sua energia da una dimensione parallela con cui è personalmente in contatto, per la gioia del lettore più pignolo.

Su questa scia, con supereroi e film di film di fantascienza questi giovani ricercatori si divertono a spiegare spassosamente i più disparati fenomeni della natura, vuoi per smascherare la finzione vuoi per dare sfogo al nerd che alberga in noi. Perché per immaginare di infrangere le leggi della natura e farlo con un certo appeal quelle leggi bisogna un po’ conoscerle.

Rassicuratevi sulla location: lo spazio per l’evento è una bella sala nell’androne della stazione offerta dalla rete di valorizzazione scientifica Trieste Città della Conoscenza, frutto di un’intesa tra comune, università ed enti di ricerca del territorio.

Il prossimo appuntamento, “Spaziotempo, Ultima Frontiera: quando la fisica ispira la fantascienza (o la salva) sarà giovedì 13 Giugno, con Andrea Oddo.

Qui il programma completo dei prossimi eventi.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: